IPAF pubblica una nuova guida sull’uso delle PLE nelle aree pubbliche

Safe Use of MEWPs in Public Areas IT

La International Powered Access Federation (IPAF) ha pubblicato una nuova guida che delinea i principi e metodi essenziali per ridurre i rischi legati all’utilizzo delle piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE) nelle aree pubbliche e vicino alle strade.

Il nuovo documento guida, intitolato "Uso Sicuro delle PLE nelle Aree Pubbliche", è stato sviluppato da IPAF in collaborazione con l’International Safety Council (ISC) e i membri sostenitori ed è disponibile per la consultazione o il download in inglese, olandese, francese, tedesco, italiano, coreano, portoghese, cinese semplificato e spagnolo. È possibile scaricarlo gratuitamente in formato digitale ed è anche disponibile per la stampa, consentendo alle organizzazioni di creare copie cartacee.

Brian Parker, responsabile tecnico e della sicurezza di IPAF, ha dichiarato: "L’utilizzo dell’accesso aereo per il lavoro in quota è in costante aumento in tutto il mondo. I vantaggi in termini di produttività e sicurezza di queste procedure vengono riconosciuti dalle aziende e dai datori di lavoro. Un numero crescente di PLE viene utilizzato nelle aree in cui potrebbero essere presenti astanti, una situazione difficile da controllare a causa dell’assenza di isolamento dalle attività lavorative non correlate, dal traffico veicolare o dal pubblico in generale.

"Grazie al contributo di Mark Keily della Sunbelt Rentals e del comitato internazionale di sicurezza da egli presieduto, questa nuova guida è il risultato di un lavoro collaborativo globale. La compilazione e revisione della guida è stato un processo completo: IPAF spera che il documento diventi un prezioso punto di riferimento sul lavoro e sulle scrivanie per la pianificazione di qualsiasi attività basata sull’utilizzo delle PLE in un’area pubblica o lungo le strade".

Mark Keily aggiunge: "Secondo i dati sugli incidenti di IPAF relativi al 2019 e 2020, circa un terzo degli eventi mortali o con lesioni segnalati si è verificato in ambienti classificabili come aree pubbliche, strade e autostrade. Questa circostanza è in linea con i dati delle relazioni precedenti relativi al 2016-2018.

"Il nuovo documento Uso Sicuro delle PLE nelle Aree Pubbliche evidenzia i pericoli e rischi associati all’utilizzo delle PLE nelle aree pubbliche, il cui controllo spesso presenta maggiori difficoltà rispetto agli altri cantieri.

"Il documento identifica le misure in grado di eliminare o ridurre il rischio degli incidenti o infortuni legati all’uso delle PLE in luoghi accessibili al pubblico e/o ai veicoli, ovvero nelle aree diverse da cantieri o stabilimenti commerciali definiti. Invitiamo tutti gli utenti delle PLE al lavoro in questi cantieri di visionare e scaricare una copia gratuita del documento.

"Speriamo che la guida si dimostri utile per le persone che stanno pianificando o lavorando in settori che utilizzano spesso le PLE nelle aree pubbliche, fra cui telecomunicazioni e servizi pubblici, appaltatori del settore pubblico, tecnici delle autostrade e dell’illuminazione stradale, gestione delle strutture e dei locali commerciali, cura degli alberi e arboricoltura".

Peter Douglas, CEO e DG di IPAF, commenta: "Questo nuovo documento è molto completo e spero che sia utile al settore dell’accesso aereo per la pianificazione e l’esecuzione dei lavori in quota nelle aree pubbliche e lungo le strade.

"Vorrei ringraziare tutti i membri dell’ISC di IPAF per il tempo e il lavoro profusi nella realizzazione di questa guida. IPAF intende anche ringraziare le persone che continuano a segnalare gli incidenti effettivi e mancati attraverso il portale IPAF. L’analisi di questi dati è inestimabile per la creazione della guida alla sicurezza e continua a fornire informazioni per il lavoro di IPAF e dei relativi consigli".

Visita www.ipaf.org/resources per visionare o scaricare il documento di guida IPAF "Uso Sicuro delle PLE nelle Aree Pubbliche". Utilizza il portale www.ipafaccidentreporting.org per segnalare gli incidenti effettivi e mancati legati all’accesso aereo.

Altre notizie che potrebbero interessarti