IPAF assiste Renault nelle iniziative di sensibilizzazione sulla sicurezza nei lavori in quota

Safety Seminar at Renault, Spain, May 2019

Il produttore automobilistico globale Renault sta lavorando per affrontare i problemi di sicurezza delle proprie sedi di produzione in tutto il mondo e ha sensibilizzato l’opinione pubblica con una serie di eventi rivolti ai dipendenti, al management e ai responsabili sicurezza, con l’assistenza dell’International Powered Access Federation (IPAF).

La Renault ha organizzato seminari speciali sulla sicurezza per i lavoratori dei suoi stabilimenti nella penisola iberica a maggio. Il primo seminario si è tenuto a Palencia il 6 maggio; il 7 maggio Renault ha organizzato un evento simile a Valladolid, mentre il terzo seminario si è svolto a Siviglia il 28 maggio.

Sono intervenuti, come rappresentati IPAF, Rafael Duyos, rappresentante spagnolo di IPAF, e José Ramón Etxebarria, direttore del gruppo di lavoro spagnolo sulla formazione di IPAF, che ha illustrato la legislazione vigente in materia di lavoro in quota, che prevede l’uso di PLE e l’importanza della pianificazione e della gestione dei rischi per prevenire incidenti e cadute dall’alto. Inoltre, è stata sottolineata l’importanza di un’adeguata formazione di operatori e responsabili, della manutenzione delle attrezzature e della supervisione del lavoro che prevede l’utilizzo di piattaforme di lavoro mobili elevabili (PLE).

Al termine dell’evento, i dipendenti di Renault hanno potuto assistere a una dimostrazione sull’uso corretto di imbracature e sistemi di protezione anticaduta e sull’utilizzo delle PLE, mediante un sofisticato simulatore di realtà virtuale.

IPAF collabora da tempo con Renault, dato che l’azienda cerca di armonizzare le migliori pratiche globali nell’ambito della sicurezza del lavoro in quota. Il gruppo globale Renault-Nissan è diventato membro di IPAF nel 2017, con l’obiettivo di supportare i propri responsabili per la salute e la sicurezza in tutto il mondo nell’ambito della formazione e nelle questioni di sicurezza relative al lavoro in quota utilizzando le PLE.

Tim Whiteman, CEO e DG di IPAF, commenta: "Lavorare con le grandi organizzazioni multinazionali come il gruppo Renault-Nissan è fondamentale quando si tratta di diffondere una vera e propria formazione attraverso responsabili e supervisori della sicurezza sul posto di lavoro.

"La partnership di IPAF con Renault è stata molto incoraggiante e il formato di questi due eventi in Spagna ha avuto molto successo. Un simile format è previsto per i dipendenti Renault in Francia alla fine di quest’anno. Ci auguriamo anche di riuscire a replicare in futuro questo tipo di eventi in altri territori in cui Renault vanta sedi di produzione, compresa in America Latina".

In un’altra parte della Spagna, IPAF ha partecipato al seminario tecnico annuale sulla sicurezza in quota dell’Istituto per la salute e la sicurezza sul lavoro di Madrid, che si è tenuto il 23 maggio dalle 9:00 alle 13:30 presso la sede del FLC in Calle Rivas, a Madrid. La conferenza comprendeva lezioni su come evitare cadute dall’alto, statistiche sugli incidenti raccolte e analizzate da IPAF, uso delle PLE per condurre lavori temporanei in quota, comprese dimostrazioni di scenari usando un simulatore di realtà virtuale, e best practice per la pianificazione della mitigazione dei rischi e la prevenzione delle cadute dall’alto. Il 31 maggio IPAF ha organizzato un seminario simile con l’Istituto galiziano per la salute e la sicurezza sul lavoro.

Altre notizie che potrebbero interessarti

  • IPAF rinnova le sue cariche istituzionali in Italia: insieme con Paolo Pianigiani alla Presidenza dell’INIC e Roberto Geromin al TWG lavoreranno alcuni tra i professionisti più autorevoli e stimati del sollevamento aereo italiano.

  • Il team presidenziale è stato confermato da IPAF, con Norty Turner di United Rentals ufficialmente investito durante l’AGM (Assemblea Generale) della Federazione 2020, che si è tenuta per la prima volta in videoconferenza il 23 aprile a causa della pandemia di coronavirus in corso. Tre nuovi membri del consiglio di amministrazione, già nominati nel 2019, sono stati confermati anche dall’AGM.