Dati, digitalizzazione e sviluppo di depositi intelligenti – Summit IPAF, Dubai

Matt Fearon, Genie President at Terex AWP, IPAF Summit 2019, Dubai

Adozione della tecnologia digitale, analisi dei dati e adozione delle pratiche di gestione Lean per creare depositi altamente efficienti sono stati tra i temi del Summit 2019, organizzato presso l’hotel Radisson Blu Deira Creek, a Dubai, il 6 marzo 2019 dalla International Powered Access Federation (IPAF), la prima volta in Medio Oriente. 

Matt Fearon, Presidente Genie presso Terex AWP, è stato il relatore principale al Summit ed è salito sul palco per parlare dell’uso delle tecniche di gestione Lean per raggiungere l’eccellenza nella manutenzione delle PLE. “Come utilizziamo Lean come fondamento per rimuovere ostacoli?” ha chiesto. “Come possiamo usarlo per gestire enormi quantità di dati?”

La standardizzazione della manutenzione e la creazione di un valido programma di formazione per tecnici di assistenza sono state le sue “basi”. “Cercare di migliorare un poco per volta, una, due, tre e più volte,” ha detto. Usare una linea di produzione Lean per la manutenzione adottando semplici tecniche per pianificare e gestire i processi e per seguirli visivamente, ha suggerito, citando “tecnologie future” che lo facilitino, incluse “macchine cooperatrici” particolarmente utili in depositi enormi come molti di quelli negli EAU.

“I processi devono essere pronti per la tecnologia da adottare, l’approccio dev’essere progressivo,” ha ammonito Fearon, aggiungendo che le aziende di noleggio devono passare “da visione parco macchine ad analisi risorse”. Ha anche parlato del potenziale della realtà aumentata, “indossare occhiali per ispezionare le PLE e creare un elenco degli interventi di manutenzione”, per esempio, sottolineando che l’accesso aereo è rimasto indietro nell’adozione di questa tecnologia rispetto ad altri settori, come quello medico.

Sul tema della formazione di tecnici di assistenza, Richard Whiting, Responsabile Generale del mercato britannico di IPAF, ha parlato del nuovo programma completo IPAF per ottenere la qualifica di Tecnico di assistenza PLE qualificato. “Che si tratti di un operatore di PLE con propensioni meccaniche o un apprendista agli inizi alla ricerca di un chiaro percorso professionale, il nuovo programma IPAF per ottenere lo stato di tecnico certificato è concepito per consentire a chiunque dentro e fuori il settore dell'accesso aereo di ottenere le qualifiche,”. “È un'’arma da sfruttare per attirare sangue nuovo nel nostro settore, non solo le nuove generazioni usando tecnologie come VR e i simulatori per sedurli.”

Giles Councell, Direttore Operativo di IPAF, aveva già presentato ai delegati il documento strategico IPAF eXtended Reality, gran parte del quale riprendeva quanto Matt Fearon e altri relatori hanno detto. Un annuncio interessante riguardava la formazione operatore avanzata IPAF PAL+, che viene adattata per l’uso su un sofisticato simulatore di PLE, offrendo scenari più complessi e situazioni di rischio senza doversi staccare dal suolo. La stessa tecnologia offre anche l’opportunità per corsi di aggiornamento, ha detto, e la verifica delle competenze degli operatori in grandi cantieri di costruzione, inclusi quelli di Expo 2020 a Dubai, che ora richiede agli operatori il certificato IPAF.

Andrew Delahunt, Direttore Tecnico e di Sicurezza IPAF, ha interrogato i delegati sulle loro conoscenze e adozione della telematica. Ha utilizzato un sistema di voto in tempo reale per dimostrare che l’incompatibilità dei sistemi è il problema maggiore quando si introduce la telematica nella gestione flotta, con l’eccesso di dati come problema minore di questa tecnologia.

“L’investigazione degli incidenti è un’area in cui non c’è mai pericolo di registrare troppi dati,” ha dichiarato, e che “l’introduzione integrata può sicuramente migliorare la gestione del posto di lavoro e traffico”. Sul tema dell’eccesso di dati, ha concluso “è questione di filtrare, e decidere come e con chi condividere questi dati”.

Ha indicato alcuni degli altri benefici di base, come l’uso di tessere PAL intelligenti collegate a sistemi telematici per garantire che solo operatori debitamente formati e competenti utilizzino le PLE, di nuovo fondamentale per l’adozione in cantieri enormi come il progetto di costruzione di Expo 2020 a Dubai. Tim Whiteman, CEO e Amministratore Delegato di IPAF, in seguito ha sottolineato l’impegno “che ogni CARTA PAL valida in tutto il mondo sarà una carta intelligente entro la fine del 2019”.

Sul tema della gestione di enormi progetti di costruzione, il Dott. Wim Raath, Responsabile della Sicurezza per il progetto di rigenerazione Dubai South, ha parlato dei nuovi emblematici edifici previsti tra cui i progetti Expo2020 e di ampliamento dell’aeroporto, che garantiranno lo sviluppo di Dubai per molti anni a venire. Dubai South include "aree" commerciali, residenziali, logistiche, aerospaziali e campi di golf, ha detto, più 1 milione circa di nuovi residenti; 500.000 posti di lavoro verranno creati dal progetto, che al momento è il maggiore contributore netto di PIL per gli EAU.

Il Dott. Wim ha dichiarato: “Sono lieto che IPAF abbia potuto organizzare questo fantastico summit. Dubai è un punto di transito globale, grazie all’enorme ambizione e visione futuristica di chi governa l’emirato.” Ha menzionato l’investimento di 25 miliardi di dirham (6,8 miliardi di US$) in questo progetto di espansione, con l’obiettivo di aumentare di molto la capacità di passeggeri e merci, creando centri logistici moderni ideali per eCommerce, e con uffici, logistiche e spazi commerciali dedicati per “attività di ogni tipo e dimensioni”. “Dubai South è una città che cresce, veniteci a visitare per vedere e rendervi conto delle reali dimensioni di questo progetto,” ha concluso.

Altri interventi sull’uso della tecnologia per promuovere la sicurezza in grandi progetti di costruzione sono venuti da Benjamin Legg Corp VC, SHE, e Prakash Senghani, Responsabile per la realizzazione di progetti digitali, AECOM. Ben Legg ha chiesto: “Perché un'organizzazione enorme come AECOM è qui oggi? Perché molti dei dipendenti della nostra enorme multinazionale ingegneristica sono esposti a rischi durante il lavoro in quota, e vogliamo sapere in che modo il vostro settore ci può aiutare e cosa ha in serbo per il futuro.”

I due hanno fatto una presentazione su come il Modello d’informazioni di un edificio (BIM) può migliorare la sicurezza. Prakash ha citato le PLE BIM di JLG e IPAF, ora disponibili nelle biblioteche globali, e in che modo AECOM le sfrutta nei propri progetti per pianificare come costruire e mantenere nuovi edifici. Hanno anche discusso applicazioni VR, apprendimento automatico e se i “chatbot” possano automatizzare i messaggi di sicurezza in progetti o vari settori commerciali, che sono integrati in AVA, il sistema di supporto sicurezza di AECOM.

“È possibile ampliarlo per far sì che le PLE verifichino le competenze degli operatori quando questi scansionano il codice QR per dimostrare di possedere la CARTA PAL giusta per l’uso di quel tipo di macchina e di essere autorizzati a farlo?” si sono chiesti.

A parlare del BIM e delle molte frustranti e carenti dichiarazioni di accesso in costruzione, progettazione e gestione (CDM) in un luogo in vertiginosa crescita come Dubai è stato Darren Williamson, Responsabile tecnico e operativo di Spider Access e Vicepresidente di IRATA Medio Oriente, Asia centrale e meridionale. L’accesso con funi è importante a Dubai, ha detto, “con l’esplosione dell’edilizia e il sorgere di grattacieli, spesso è l’unico modo per lavorare su edifici alti, dove l’accesso con PLE diventa più difficile”. Ha ammesso che l’accesso con funi è “un problema”, ma spesso è l’unica soluzione, se si costruiscono edifici adiacenti o la paesaggistica attorno ai nuovi edifici prende forme che precludono l’uso di soluzioni di accesso aereo.

A chiunque si chieda come mai un esperto dell’accesso con funi sia stato invitato a intervenire al summit sull’accesso aereo a Dubai, ha sottolineato che molti edifici in questa regione sono troppo alti, o i tempi di realizzazione troppo stretti, per usare sollevatori a braccio o impalcature. Collaborare con architetti e consulenti, ha sostenuto, è un modo di accesso valido se fatto correttamente, ma ha descritto lo scarso interesse verso la manutenzione di CDM come “problematico”.

Dopo un vivace dibattito sull’impatto di nuove tecnologie sul settore e la maturità o meno del mercato negli EAU, Jim Colvin, CEO di Serious Labs, ha concluso le presentazioni con la sua visione per la VR nell’accesso aereo. “Con la penuria globale di operatori, dobbiamo concentrarci su formare meglio il personale, gli interessati imparano meglio in situazioni di lavoro realistiche! La differenza tra un giocattolo e uno strumento sta in quello che produce.”

Grandi costruttori come Mace e Riwal stanno “già usando simulatori e corsi IPAF per comprovare competenze e conoscenze” in Odense, Danimarca, ha dichiarato, sottolineando che Serious Labs collabora anche con United Rentals negli USA per il suo programma di formazione integrata, ora certificato e monitorato da IPAF. Serious Labs collabora anche con Rapid Access in Medio Oriente, ha aggiunto, per valutare le competenze degli operatori sulle macchine a noleggio, “il che ha permesso di raddoppiare i candidati formati”. 

Per altre foto, cercare il termine “IPAF” su www.flickr.com e per copie delle presentazioni dei relatori in formato pdf recarsi su www.ipaf.org/summit-presentations

Altre notizie che potrebbero interessarti

  • Il team presidenziale è stato confermato da IPAF, con Norty Turner di United Rentals ufficialmente investito durante l’AGM (Assemblea Generale) della Federazione 2020, che si è tenuta per la prima volta in videoconferenza il 23 aprile a causa della pandemia di coronavirus in corso. Tre nuovi membri del consiglio di amministrazione, già nominati nel 2019, sono stati confermati anche dall’AGM.

  • Tieniti informato sugli ultimi sviluppi di COVID-19. Segui i consigli forniti dal proprio fornitore di assistenza sanitaria, dall'autorità sanitaria pubblica nazionale e locale o dal datore di lavoro su come proteggere se stessi e gli altri da COVID-19. Le autorità nazionali e locali disporranno delle informazioni più aggiornate sul fatto che COVID-19 si stia diffondendo nella tua zona. Sono nella posizione migliore per consigliare su ciò che le persone nella tua zona dovrebbero fare per proteggersi.

    Apprezziamo il tuo supporto durante questo periodo e ti chiediamo di visitare regolarmente www.ipaf.org/covid19 per aggiornamenti da IPAF. Vi preghiamo di contattarci a info@ipaf.org o al vostro ufficio IPAF più vicino per qualsiasi domanda al riguardo.