IPAF ha corretto il disavanzo grazie alle entrate degli eventi e alla domanda di formazione

IPAF's 2018 Annual Report

La International Powered Access Federation (IPAF) ha avuto un ottimo anno nel 2018, crescendo in tutti i settori a livello di tesseramento, offerta di formazione, fatturato e paesi coperti. IPAF ha recuperato il disavanzo del 2017 grazie a efficienze e controllo dei costi, ottenendo così un aumento delle entrate, che sono cresciute dell’8,5% dall’anno precedente.

Maggiori ricavi dagli eventi e un aumento del 5,8% delle entrate dalla formazione, includendo una crescita marcata della domanda in paesi dove l’offerta di corsi IPAF in passato era limitata o assente, hanno tutti contribuito al miglioramento. IPAF è un’organizzazione non a fini di lucro, ovvero, tutti i fondi disponibili vengono reinvestiti in programmi di formazione e sicurezza IPAF.

L’obbligo della carta PAL in grandi progetti di costruzione ha generato un forte aumento della domanda di formazione IPAF nelle regioni nordiche e in Medio Oriente. Mace ha annunciato che cerca titolari di carte PAL per un grande progetto presso Odense, in Danimarca, e i responsabili del progetto per la fiera mondiale Expo2020 a Dubai, EAU, hanno annunciato alla convenzione mediorientale IPAF del 2018 a Dubai che le carte PAL saranno obbligatorie per gli operatori di mezzi di accesso aereo nel suo enorme cantiere.

Le cifre (riportate nel Rapporto annuale 2018 di IPAF pubblicato oggi in otto lingue, tra cui il cinese) indicano un aumento del tesseramento da 1.322 alla fine del 2017 a 1.335 l’anno scorso, espandendo la presenza di IPAF su 66 paesi in tutto il mondo, tra cui il Kazakistan, dove i corsi di formazione sono stati tradotti e offerti per la prima volta in russo.

La domanda di formazione IPAF è di nuovo cresciuta l'anno scorso, con 165.787 candidati che hanno completato dei corsi IPAF nel 2018 (l’aumento nella domanda di formazione è stato particolarmente marcato in Irlanda, Spagna, Danimarca, Medio Oriente e nella regione del Quebec in Canada, dove i soci IPAF hanno potuto offrire corsi in francese.

IPAF ha continuato a investire in nuovo personale, migliori tecnologie e aggiornamenti al programma di formazione, e ha partecipato a eventi in numerosi paesi, organizzando anche nuovi eventi nel Regno Unito e in Thailandia, ospitando la conferenza ed esposizione asiatica IPAF per la prima volta a Kuala Lumpur, Malesia, oltre a presenziare ad eventi come VerticalDaagen in Olanda e Nordbygg in Svezia.

Parlando ad AGM IPAF a Dubai, EAU, prima del Summit e IAPAs IPAF organizzati per la prima volta assoluta in Medio Oriente, Tim Whiteman, CEO e Amministratore Delegato di IPAF, ha dichiarato: “Non c’è dubbio che il 2018 sia stato un anno difficile, ma la nostra federazione ha saputo approfittare delle nuove opportunità. IPAF promuove l'uso sicuro ed efficace dell'accesso aereo in tutto il mondo; ripetendo questo messaggio nei paesi in cui opera oltre a diffonderlo in nuove regioni è fondamentale per tutto ciò di cui si occupa IPAF.

“Nel 2018 la realtà virtuale (VR) e i simulatori hanno davvero catturato l'immaginazione collettiva del settore. IPAF ha consultato un gran numero di interessati sul potenziale della VR e ha ricevuto una risposta fenomenale; è chiaro che il settore desidera adottare questa tecnologia, e IPAF ha definito le raccomandazioni di base in un libro bianco sulla realtà estesa in risposta alla consultazione.”

Nick Selley, Presidente di IPAF, che si è dimesso dalla carica ad AGM alla fine del suo mandato di due anni, ha commentato: “La sicurezza rimane fondamentale e tutti i nostri soci devono continuare a sostenere questi valori e rispettare standard di sicurezza rigorosi. IPAF continua a lavorare senza sosta per migliorare gli standard attraverso le sue campagne per ridurre gli incidenti in tutta una serie di aree, ad esempio le direttive tecniche e le campagne di sicurezza.

“IPAF collabora strettamente con l'Esecutivo per la salute e sicurezza del Regno Unito e le autorità responsabili di standard e sicurezza in Medio Oriente, oltre a partecipare al Gruppo parlamentare multipartitico (APPG) di membri del parlamento britannico, che esamina le cadute in quota nei posti di lavoro.

“Gradirei anche menzionare l’impegno da me preso per sviluppare e promuovere l'apprendistato, perché credo che dobbiamo fare tutto il possibile per incoraggiare i giovani a entrare nel settore e coltivare il talento. IPAF ha fatto passi avanti nell'identificare percorsi di apprendistato e per ottenere la qualifica di tecnico specializzato, che definiscono nuovi percorsi professionali nel settore.”

Tim Whiteman ha concluso: “Grazie alla dedizione di dirigenza, consiglio, comitati, personale e rappresentanti IPAF attivi in quasi 70 paesi, il disavanzo emerso alla fine dell'anno finanziario 2017-18 è stato corretto. Di conseguenza, la federazione ha iniziato il 2019 in modo più elastico e in grado di adattarsi a una domanda globale in crescita per formazione di qualità, direttive tecniche e di sicurezza, e di sfruttare nuove, eccitanti opportunità.”

Il rapporto annuale IPAF per il 2018 è ora disponibile in inglese, francese, tedesco, italiano, olandese, portoghese, cinese semplificato e spagnolo, e si può visionare o scaricare gratuitamente da www.ipaf.org/annual-report.

Altre notizie che potrebbero interessarti

  • L'ultima campagna per la sicurezza IPAF si chiama “Street Smart" e sottolinea l'importanza della sicurezza quando si lavora in quota con PLE su strade o nelle loro vicinanze. È stata lanciata da IPAF all'Expo Bauma 2019 al Messe München, Monaco, Germania, 8-14 di aprile.